L’emergenza Coronavirus trova attiva anche la Scuola di Brescia, dove i Salesiani hanno coinvolto tempestivamente

i propri docenti nella didattica a distanza.

Ogni settore si è mosso a partire dalle proprie competenze digitali, misurate su quelle degli studenti.

Classroom di Google è risultata la piattaforma ideale per CFP e Scuola Media, mentre l’Istituto Superiore – Liceo e Tecnico – è passato tramite Calendar e Hangouts Meet.

Tecnicismi a parte, dopo dieci giorni di e-learning si iniziano a fare i primi bilanci: tanta fatica per tutti, sostenuta dal desiderio profondo di mettersi in gioco.

Per i docenti: lavoro intenso volto a preparare i podcast e ad abilitarsi per le videoconferenze.

Per gli studenti: salto di qualità nel protagonismo e nella richiesta di responsabilità personale, per non restare indietro rispetto al resto della classe virtuale.

Alcuni servizi radio-televisivi hanno testimoniato e accompagnato tale fatica, nella quale è stato pioniere il Liceo, subito seguito dagli altri settori.

 

*