Una pagina da riscoprire: nell’istituto di via Copernico si riunirono i capi della Resistenza, da Pertini a Valiani, per definire la strategia finale per la liberazione dal nazifascismo. Il ruolo di don Della Torre, coraggioso sacerdote che fece da tramite con i partigiani lombardi.

Con questo esergo il sito Chiesa di Milano onora la memoria storica dei nostri confratelli e il loro ruolo attivo nei fatti delle Liberazione. Il cammeo si rivolge all’Istituto, alle sale presidiate, ai gruppi coinvolti, dedicando particolari encomi alla figura poliedrica e carismaticamente imponente di don Della Torre.

L’artefice di questa impresa, tuttavia, ha un nome preciso, ed è quello di don Francesco Beniamino Della Torre: figura ben nota nel mondo salesiano ambrosiano, ma che merita davvero di essere meglio conosciuta da tutti per tutto ciò che egli ha saputo realizzare in aiuto dei giovani e dei più deboli (dalle opere sociali di Sesto San Giovanni alla benemerita realtà di Arese).

Per approfondire ricordiamo anche il saggio storico che don Francesco Motto ha elaborato attorno alla questione e a cui si deve l’effettiva emersione e conservazione di quei fatti nella memoria personale e ispettoriale: Don Francesco Beniamino Della Torre, Salesiani e Resistenza a Milano. 25 aprile 1945 nell’Istituto S. Ambrogio il CLNAI proclama l’insurrezione nazionale.